sanità elettronica: 30 miliardi di risparmio

Entro il 2012 una serie di  interventi dovranno rendere la Sanita’ italiana tecnologica ed avanzata  consentendo, secondo il Ministro dell’Innovazione Renato Brunetta,  risparmi  che potrebbero raggiungere il 30% della spesa
attuale,  circa  30  miliardi di euro.
Le tappe che porteranno a regime il  Piano  eGov  sono  6
– connessione in rete di tutti i medici di base  ed  i  pediatri
– digitalizzazione  del  ciclo prescrittivo
– fascicolo  sanitario elettronico
– garanzie del servizio scolastico a  piccoli  pazienti  lungodegenti,
– realizzazione  di  un sistema articolato  a  rete  dei centri unici di prenotazione
– innovazione nelle aziende sanitarie.

medico-computer1NdS a me sembra tutto così remoto, l’interconnessione totale una cosa di cui si parla ma che chissà quando accadrà; permettemi di essere scettico e di non credere che, magicamente, in meno di tre anni (2012) scompariranno le prescrizioni scritte a mano con formule creative, spesso illeggibili, e tutto sarà a regime. Di certo si sa che magicamente gli esami diagnostici possono esser rimborsati con sconti anche pesanti . . .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

prenotazione