il polipo della colecisti: mi devo (per forza) operare ?

polipi colecisti ecografia

Il polipo della colecisti: cerchiamo di far chiarezza e di capire qual è la migliore, più sicura allo stato attuale delle conoscenze, strategia di sorveglianza di questa patologia colecistica (in genere) benigna.
Evidenziare un polipo della colecisti accade, non è una situazione rara (incidenza su popolazione 4.3–6.9%): qualcuno – raramente per fortuna – s’allarma e qui sottolineo come non ne valga la pena.
Programmare una sorveglianza con ecografia dell’addome (anche solo superiore che include lo studio del fegato, delle vie biliari e della colecisti, previo adeguato digiuno) è la migliore delle strategie per sorvegliare questa condizione.
Una minoranza dei polipi delle pareti colecistiche tende a crescere (il 7 %, secondo lo studio di Jonathan Koea: Only 7% of polyps that were followed up increased in size. Only 4% of resected polyps were potentially malignant or cancerous (Jonathan Koea Arch Surg. 2012;147(12):1084. doi:10.1001/archsurg.2012.1959).
Segnalo un altro studio che evidenzia incidenza molto ridotta (0.57%) di trasformazione maligna (Elmasry M et al The risk of malignancy in ultrasound detected gallbladder polyps: A systematic review.  Int J Surg. 2016 Sep;33 Pt A:28-35. doi: 10.1016/j.ijsu.2016.07.061. Epub 2016 Jul 25).

Esistono condizioni predisponenti all’insorgenza di polipi della parete colecistica ?
Secondo uno studio del 2015 (Taehan Sohwagi Hakhoe Chi [Korean J Gastroenterol], ISSN: 1598-9992, 2015 Nov; Vol. 66 (5), pp. 268-73; Publisher: Korean Society of Gastroenterology; PMID: 26586349;) c’è associazione dimostrata con

  • età avanzata
  • sesso maschile
  • BMI elevato (obesità, per esser più chiari!) 
  • positività di HBsAg

Essere vegetariani non è un fattore predisponente all’insorgenza di polipi colecistici.

Quindi, in pratica, che fare ?
Sorveglianza ecografica ovvero un watchful waiting se il polipo della colecisti rimane invariato.
Si suggerisce l’intervento chirurgico in caso di crescita, palese, e se il polipo della colecisti supera il centimetro (Wiles R et al – citazione a fine articolo).

Ho trovato due studi che suggeriscono che la CEUS (ecografia con mezzo di contrasto) e l’elastosonografia – tecniche accessorie dell’ecografia, tuttora scarsamente diffuse come regolare attività diagnostica sul territorio – potrebbero esser d’aiuto nella diagnosi differenziale tra polipi colesterinici e polipi adenomatosi (che sono quelli che, sia pur minoritariamente, possono crescere).

CEUS could offer useful information to distinguish adenoma from cholesterol polyp. The treatment algorithm for gallbladder polyp lesions would likely benefit from CEUS as a routine imaging investigation, especially in cases where the polyp is larger than 1 cm.
Abdominal Imaging [Abdom Imaging], ISSN: 1432-0509, 2015 Oct; Vol. 40 (7), pp. 2355-63 

Teber MA; Tan S; Dönmez U; İpek A; Uçar AE; Yıldırım H; Aslan A; Arslan H, Medical Ultrasonography [Med Ultrason], ISSN: 2066-8643, 2014 Dec; Vol. 16 (4), pp. 304-8; PMID: 25463882 
Our study showed that real time elastography of gallbladder polyps is feasible. This novel approach may be useful for the characterization of polypoid lesions of the gallbladder.

Wiles R et al
Management and follow-up of gallbladder polyps : Joint guidelines between the European Society of Gastrointestinal and Abdominal Radiology (ESGAR), European Association for Endoscopic Surgery and other Interventional Techniques (EAES), International Society of Digestive Surgery - European Federation (EFISDS) and European Society of Gastrointestinal Endoscopy (ESGE).
Eur Radiol. 2017 Feb 9. doi: 10.1007/s00330-017-4742-y PMID:28185005

Åke Andrén-Sandberg
Diagnosis and Management of Gallbladder Polyps
N Am J Med Sci. 2012 May; 4(5): 203–211.doi:  10.4103/1947-2714.95897 PMCID: PMC3359430

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now Buttonper appuntamenti