ablazione dell’utero

a volte – per fortuna di rado – percepisco con chiarezza la spiacevole sensazione di non riuscire a comunicare con il paziente che sto visitando.

ecografia vescica e utero
ecografia vescica e utero

Sono al lavoro e sono al servizio del paziente, nel senso che il mio obiettivo primario è di effettuare un esame il più accurato possibile; altro obiettivo importante, ma secondario a mio giudizio, è di far percepire al paziente che ci si sta prendendo cura di lui.
Non si può pertanto prescindere dalla storia clinico-chirurgica del paziente, che deve esser nota ed accuratamente ricostruita.
Come ho già avuto modo di dire non sempre, direi troppo spesso, i pazienti arrivano ad effettuare la visita in assenza della documentazione adeguata e pertanto è necessario interrogare serratamente il paziente per ricostruire il passato.
Talvolta, per fortuna non spesso, mi capita di percepire come un muro, la strana sensazione che il paziente non voglia comunicare; nello specifico un paio di giorni fa stavo visitando una paziente – circa 50 anni – che mi riferiva di un recente intervento di ablazione dell’utero . Quando le ho fatto notare che non era possibile (l’utero ce l’aveva, lo vedevo) si è come inalberata e – a supporto della veridicità di quanto affermava – ha aggiunto L’HO TROVATO ANCHE SU INTERNET !!
Scavando approfonditamente son riuscito a farla confessare: aveva avuto (tre mesi fa) una miomectomia (ablazione di mioma, non dell’utero)!
Ne parlo perchè questi episodi mi lasciano con la sensazione di non aver fatto tutto al meglio, mi piacerebbe che tutti potessero andar via con la sensazione di esser stati serviti al meglio!
Avendo ormai all’attivo svariate migliaia di pazienti visitati mi rendo però conto che qualche sbavatura è inevitabile, purtroppo inevitabile ….

Se sei alla ricerca di approfondimenti sui fibromi o miomi uterini: clicca qui.

7 commenti su “ablazione dell’utero

  1. incalzare
    chiedere e richiedere
    perchè strano ma vero c’è tanta gente che crede di esser precisa e se la prende se fai notare che forse quel che sta affermando, con tanta decisione, non è corretto …

  2. excusatio non petita, accusatio manifesta …
    siamo all’autodiagnosi di quanto – effettivamente – avevo intuito (sagacemente)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now Buttonper appuntamenti