Medico di base fiorentino sotto accusa per truffa

dal corriere fiorentino

È finito sotto inchiesta un medico di base fiorentino, accusato di aver somministrato cortisone spacciandolo per un siero di origine naturale. I REATI. Al medico vengono imputati i reati di truffa, somministrazione di farmaci in modo pericoloso per la salute pubblica, esercizio abusivo della professione di farmacista. Una quindicina i pazienti, anche di fuori città, identificati e sentiti dai carabinieri del Nas di Firenze che conducono le indagini col pm Luca Turco. I PAZIENTI. Si rivolgevano a lui per lenire dolori e allergie. Gli inquirenti rivolgono ora un invito ad altri eventuali pazienti a farsi avanti, anche per valutare eventuali provvedimenti medici da prendere a tutela della salute. IL FARMACO. Il medicinale somministrato sarebbe a base di triamcinolone acetonide, un corticosteroide, a volte aggiungendo vitamine. Prima di iniettarlo ai pazienti avrebbe tolto ai flaconcini l’etichetta, per renderli anonimi. Solo in alcuni casi li avrebbe venduti. Ogni applicazione – da 40 milligrammi – sarebbe costata 35 euro: in farmacia, è stato fatto notare, il prezzo di tre fiale della stesso prodotto, mutuabile, è 5 euro. Nelle perquisizioni sequestrati una settantina di flaconcini pronti all’uso

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now Buttonper appuntamenti